PALERMO. Come Pio La Torre fece 32 anni fa