(AGI) – Catania, 19 mag. – Una mancata notifica e’ stata la causa del rinvio al 9 ottobre del processo per reato elettorale a carico dell’ex presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo e del figlio Salvatore Federico Michele, noto come Toti, deputato regionale. La Procura di Catania ne aveva disposto la citazione diretta saltando la richiesta di rinvio a giudizio, davanti il giudice monocratico della Quarta sezione penale. Per l’accusa, sostenuta dai pm Lina Trovato e Rocco Liguori, in occasione delle elezioni per il rinnovo dell’Ars del 28 ottobre 2012 i Lombardo avrebbero promesso posti di lavoro in cambio di voti per Toti. L’impiego sarebbe stato promesso ad Ernesto Privitera ed Angelo Marino in favore dello stesso Marino e di Giuseppe Giuffrida, quest’ultimo in seguito effettivamente assunto. Giuffrida, Privitera e Marino sono accusati dello stesso reato in concorso con i Lombardo. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it